Il Museo Egizio

Il Museo EgizioChi l’ha costruita?

L’egittologo francese Auguste Mariette Pasha fu il primo a sollevare la necessità di costruire questo museo nel 1858, ma fu inaugurato nel 1902. Pertanto, nel giardino del museo si trova una grande statua in bronzo sulla tomba di Auguste Mariette, che porta il suo sua morte.

Dov’e’?

Il museo è situato nella qualità e guida in spagnolo, vi nome e le date della sua nascita e della offriamo il centro della città, circa la piazza Tahrir che è successivamente spostata il cuore stata effettuata dall’architetto francese del Cairo e in tutto il paese.

La ragione della sua costruzione

Il Museo Egizio è stato costruito per ospitare i campioni più importanti di Arte faraonica in tutto L’Egitto. Il progetto dell’edificio è Marcel Dourgan ed è stato costruito durante il regno di Jedive Abbas Helmi II. L’Egittologo francese Gaston Maspero è stato il primo direttore del museo.

Com’e’?

Mariette Pasha inaugurò il primo museo nel quartiere di Boulaq, ma dopo che fu reso inutilizzabile da una grande alluvione, la collezione dovette essere trasferita al Palazzo di Ismael Pasha a Guiza, dove fu nell’attuale edificio. Non perdete l’occasione di vedere lo spettacolo di luci e suoni sulle piramidi che non dimenticherete mai!

Offriamo anche vari viaggi in Egitto

Il museo è composto da oltre 50 camere distribuite su due piani e ospita una collezione di oltre 100.000 pezzi in mostra. Le due sale più famose sono, da un lato, quella che ospita i tesori trovati nella Tomba di Tutankhamon, e dall’altro, quella che contiene i resti mummificati dei Faraoni più importanti tra il 1552 e il 1069 a.C., tra loro Ramses II.

Non perdere l’occasione di visitare questo museo!

Se state pensando ad un viaggio in Egitto e volete organizzare un viaggio indimenticabile, unico, con il servizio dei migliori viaggi in Egitto. Buon appetito! Altri capolavori dal periodo pre-dinastico al periodo Greco-romano si trovano anche nel Museo.

Dove si trova la Grande Sfinge?

La Sfinge si trova di sull’altopiano

Giza nello stesso luogo delle piramidi, alla periferia del Cairo, dove inizia il deserto. La parola Sfinge è derivata dalla parola greca Sfinge che significa stringere. La Sfinge ha il corpo di un leone e la faccia di un umano, in modo che gli antichi Egizi hanno cercato di raccogliere in un unico corpo forza e intelligenza.

Dove si trova la Grande Sfinge?

Chi ha costruito la Sfinge?

La costruzione della Sfinge è attribuita a Kefren, il quarto faraone della quarta dinastia, figlio di Khufu e padre di Micerini, a cui sono dedicate le altre due grandi piramidi del sito archeologico. Kephren è anche accreditato con la costruzione della seconda piramide, che porta il suo nome; il Tempio della valle, un tempio funerario; e il Causeway processionale, che corre dalla piramide al tempio.

Nel 1858, Auguste Mariette

Ha preparato un altro museo, nel quartiere di Boulaq, che poi è stato perso a causa di un’inondazione del Nilo. Nel 1878, il contenuto del Museo Boulaq fu trasferito al Palazzo di Giza del Governatore Ismael Pasha, Governatore del paese. La collezione rimase lì fino all’apertura dell’attuale museo nel 1902.

La ragione della sua costruzione

È stato costruito come parte del complesso funerario che comprende la piramide, il tempio della valle e il causeway che li unisce, la sua funzione è stata posta come guardiano della piramide di Re Kephren. Le sue dimensioni approssimative sono: 57 metri di lunghezza e 20 metri di altezza.

Spiegare

La Grande Sfinge di Giza è stata realizzata scolpendo una roccia calcarea sull’altopiano di Giza. Ha un’altezza di circa 20 metri, misurando la faccia più di cinque metri. La testa potrebbe rappresentare il Faraone Kefren, avendo il suo corpo sotto forma di leone. In tempi antichi era dipinta in colori vivaci: rosso il corpo e il viso, e i nemes o faraonica coprice che copre la sua testa, strisce gialle e blu.

Storia

Napoleone in Egitto, l’interesse europeo per L’Egitto si stava risvegliando in una vera mania per i faraoni e gli antichi. Durante i primi anni del XIX secolo, i consoli di europei e cercatori di tesori, inciampati in tutto il paese, alcuni alla ricerca di reliquie e monumenti, e altri alla ricerca di oro e tesori ricercati.

Dalla campagna di militare

Museo Egizio al Cairo

Comunemente conosciuto come il Museo Egizio si trova al Cairo, in Egitto, e contiene la più grande collezione di oggetti del tempo Dell’antico Egitto; possiede più di 120.000 oggetti classificati provenienti da epoche diverse di Storia Egiziana.

Dalla campagna di militare

Nel 1835, il Service des Antiquités de l’Egypte

Fu fondata per proteggere i monumenti e i tesori del paese dall’avidità locale e straniera. All’inizio, i pezzi trovati sono stati conservati in un piccolo edificio vicino alla zona Dell’attuale Azbakia, nel centro del Cairo e più tardi nella cittadella di Saladino. Tuttavia, durante la visita Dell’imperatore austriaco Massimiliano, il governatore D’Egitto Abbas Pasha gli diede l’intera collezione.

L’attuale edificio è stato progettato dall’architetto francese

Marcel Dourgrion, in stile neoclassico, pensando che sarebbe il più adatto al suo contenuto. Due dei piani del sono esposti oltre 120.000 pezzi provenienti dai diversi periodi Dell’antico Egitto, ordinati cronologicamente, secondo il senso degli aghi dell’orologio.

Posizione

Il museo si trova nella piazza Tahrir, nel centro del Cairo, e apre le sue porte dalle 9 del mattino fino alle 4 del pomeriggio. Il venerdì chiude alle 14 e durante il museo sono dedicati all’esposizione pubblica e agli studi in classe, nei quali mese del digiuno musulmano, il Ramadan, chiude alle 15.

L’era greco-romana

Statue, rilievi e oggetti funerari. Statue e oggetti funerari nei giardini del museo espongono sculture di varie epoche. Nel museo sono esposti oggetti provenienti da tutti i periodi Dell’Impero dell’antico Egitto statue di Re e personaggi attrezzature funerarie, gioielli, modelli e altri oggetti.

Oggetti del museo

Statue, rilievi e oggetti del periodo Amarna e sarcofago di Akhenaten il grande tesoro di Tutanjamon (Tutankhamun). La statuaria, i dipinti, i rilievi e gli oggetti mobili del vecchio nuovo Impero. Vasi di pietra Pre-dinastici e periodo protodinamico e oggetti funerari tardo periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *